BONUS PUBBLICITA’ ALLA CASSA

Dal prossimo 22/09/2018 fino al 22/10/2018 sarà possibile presentare le istanze per l’accesso al Bonus Pubblicità.

 

Le richieste riguarderanno:

  • Gli investimenti già effettuati dal 24/06/2017 al 31/12/2017;
  • Gli investimenti effettuati o che si intende effettuare nel periodo d’imposta 2018.

L’agevolazione in esame riguarda gli investimenti pubblicitari effettuati:

  • Da qualsiasi soggetto passivo Iva (imprese o lavoratori autonomi);
  • Enti non commerciali (anche privi di attività commerciale).

Sono ammesse le sole spese per acquisto di spazi pubblicitari ed inserzioni commerciali (escluse le spese di intermediazione ed altre spese accessorie) effettuato sui seguenti media:

  • Giornali (quotidiani o periodici) pubblicati in edizione cartacea o in formato digitale (online), editi da imprese titolari di testata giornalistica;
  • Emittenti televisive/radiofoniche locali, analogiche o digitali.

Per beneficiare dell’agevolazione il valore complessivo degli investimenti deve superare almeno dell’1% l’ammontare degli analoghi investimenti effettuati nell’anno precedente sugli stessi mezzi di informazione. Per “stessi mezzi di informazione” si intendono le tipologie di canale informativo, quindi la stampa, da una parte, e le emittenti radio-televisive dall’altra. Questo significa che, in presenza di investimenti su entrambi i media, il soggetto richiedente può vedersi riconosciute due diversi di crediti d’imposta, in percentuali differenziate a seconda delle condizioni della ripartizione su ognuna delle due platee di beneficiari.

 

Il bonus è rappresentato da un credito d’imposta pari al 75% dell’incremento di spesa (90% se autorizzato da UE nel caso di MPMI e start up innovative ).

 

Per accedere al bonus è necessario presentare le seguenti istanze:

  1. Comunicazione per l’accesso al credito d’imposta (una sorta di “prenotazione”) in cui indicare i dati relativi agli investimenti effettuati o ancora da effettuare nell’anno;
  2. Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati, dove dichiarare l’effettiva realizzazione degli investimenti comunicati nella prenotazione precedente.

Per gli investimenti effettuati nel 2017, trattandosi di investimenti già effettuati, non vi è alcuna “prenotazione” da inviare, ma la sola comunicazione di cui al punto 2.

 

I termini di presentazione sono differenziati a seconda del periodo d’imposta in cui gli investimenti risultano effettuati.

 

Investimenti effettuati per l’anno 2017

  • La comunicazione di cui al punto 1. non va inviata;
  • La comunicazione di cui al punto 2. va inviata tra il 22/09 ed il 22/10/2018;

Investimenti effettuati (o da effettuare) per l’anno 2018:

  • La comunicazione di cui al punto 1. va inviata tra il 22/09 ed il 22/10/2018;
  • La comunicazione di cui al punto 2. va inviata tra il 01/01 ed il 31/01/2019;

Investimenti effettuati dal 2019 (a regime):

  • La comunicazione di cui al punto 1. va inviata tra il 1/03 ed il 31/03 dell’anno cui si riferisce;
  • La comunicazione di cui al punto 2. va inviata tra il 1/01 ed il 31/01 dell’anno successivo;

Le istanze vanno inviate esclusivamente in via telematica tramite apposita piattaforma che sarà implementata sul sito dell’Agenzia delle Entrate anche tramite intermediario abilitato.

 

Entro il 21.11.2018 (a regime, entro il 30 aprile di ciascun anno) verrà formato l’elenco dei soggetti richiedenti il credito d’imposta per gli investimenti relativi all’anno 2018, con l’indicazione:

  • dell’eventuale percentuale provvisoria di riparto in caso di insufficienza delle risorse;
  • dell’importo teoricamente fruibile da ciascun soggetto dopo la realizzazione dell’investimento incrementale.

Lo Studio è a disposizione per ulteriori chiarimenti ed il servizio di intermediazione telematica delle istanze.