FINO A 150MILA EURO PER IL TURISMO IN ABRUZZO

In via di pubblicazione il programma di attuazione per l’anno 2018 della Legge Regionale del 28.04.2000 n. 77 a sostegno delle imprese operanti nel settore del turismo nella Regione Abruzzo.

 

Sono ammessi i progetti con un investimento complessivo non inferiore ad € 50.000,00. Il contributo concesso può arrivare fino al 60% dell’investimento ammissibile con un massimale di € 150.000,00.

 

Il bando si rivolge a PMI (anche costituende) ed Enti no Profit che svolgano (o intendano svolgere) almeno una delle seguenti attività:

  • Strutture ricettive alberghiere (alberghi, residenze turistiche alberghiere, alberghi diffusi);
  • Strutture ricettive all’aria aperta (campeggi e villaggi turistici);
  • Strutture ricettive extralberghiere (residenze di campagna, case per ferie, ostelli della gioventù; rifugi montani e rifugi escursionistici);
  • Stabilimenti balneari.

Saranno valutabili solo i progetti per:

  1. Realizzazione di nuove strutture ricettive:
  2. Riconversione e recupero di edifici esistenti, anche mediante il completamento (con trasformazione in strutture ricettive);
  3. Riattivazione di strutture ricettive;
  4. Ampliamento, ristrutturazione, ammodernamento, straordinaria manutenzione di attività esistente, già in esercizio:

Le spese ritenute ammissibili sono quelle sostenute dopo la presentazione del progetto, relative a:

  • Opere murarie e assimilabili;
  • Impianti tecnologici mirati alla riduzione dei consumi di acqua potabile e di energia primaria, ed all’efficientamento energetico;
  • Macchinari relativi agli interventi previsti per rendere la struttura accessibile per ospiti con disabilità motorie e sensoriale;
  • Programmi informatici e realizzazione siti web (max 2% importo totale spese ammissibili)
  • Progettazione (max 8% importo totale spese ammissibili);
  • Studi, consulenze e costi organismo certificatore (max 3% importo totale spese ammissibili);
  • Relazione tecnica relativa alla riduzione del rischio sismico (max 8% importo totale spese ammissibili);
  • Spese per la diagnosi energetica ante e post intervento (max 2% importo totale spese ammissibili).

 

E’ escluso dal contributo la spesa relativa all’acquisto dell’immobile.

 

Gli interventi finanziati possono essere realizzati su tutto il territorio regionale ad esclusione dei comuni ricadenti nell’Area Basso Sangro Trigno che saranno finanziati con apposito programma di prossima emanazione.

 

Le istanze devono essere inoltrate a partire dal giorno successivo alla pubblicazione del bando sul BURAT ed entro e non oltre il 120° giorno solo mediante la piattaforma informatica dedicata della Regione Abruzzo.