CONTRIBUTI PER NUOVI PRODOTTI E/O PROCESSI

 

Aggiornamento del 17.03.2020

Prorogata al 31 maggio 2020 la scadenza del bando.

 

Articolo del 28.02.2020

Sta per essere pubblicato un Bando per l’ottenimento di contributi a fondo perduto a favore delle imprese con sede nella Regione Abruzzo che:

 

  • Realizzano nuovi prodotti (per l’impresa stessa o per il mercato);
  • Introducono innovazioni nel processo produttivo già avviato (mediante cambiamenti di tecniche, attrezzature e/o software);

Possono partecipare a questo bando le imprese che, alla data di pubblicazione del seguente Bando siano:

  • Regolarmente iscritte al registro Imprese (anche se inattive);
  • Operanti almeno in uno dei settori economici indicati nel Bando (vedi settori);

Sono ammissibili le spese per:

  1. MACCHINARI, IMPIANTI ED ATTREZZATURE VARIE nuovi di fabbrica;
  2. OPERE MURARIE ED IMPIANTISTICHE strettamente necessarie per l’installazione e il collegamento dei macchinari acquisiti e dei nuovi impianti produttivi nel limite del 20% sul totale investimento;
  3. PROGRAMMI INFORMATICI, BREVETTI, LICENZE, KNOW-HOW e conoscenze tecniche non brevettate;
  4. SERVIZI DI CONSULENZA utilizzati esclusivamente ai fini della realizzazione del progetto di investimento. Tali spese sono ammesse nel limite del 5% dell’investimento ammissibile dell’intero progetto e comunque per un importo massimo non superiore ad € 5.000,00.
  5. PERIZIA GIURATA, rilasciata da un tecnico professionista abilitato, asseverata in tribunale. Tale spesa è ammissibile nel limite del 3% dell’investimento ammissibile dell’intero progetto e comunque non può essere superiore a € 3.000,00.
  6. FIDEIUSSIONE BANCARIA o POLIZZA ASSICURATIVA in favore della Regione, irrevocabile, incondizionata ed esigibile a prima richiesta (necessaria per la richiesta del contributo in acconto)

Non sono ammissibili spese relative a fatture d’acquisto ricevute e/o pagate in data antecedente la pubblicazione del presente Bando.

 

I progetti dovranno prevedere una spesa minima di 70.000 euro e potranno avere un contributo a fondo perduto massimo di 200.000 euro, nella misura di una totale variabile dal 30% al 50% della spesa ritenuta ammissibile. Sarà infatti premiante la % di compartecipazione alle spese.

 

Al momento di liquidazione dell’aiuto i beneficiari devono essere in regola con il DURC.

 

Le Domande di Ammissione al finanziamento, in regola con le disposizioni normative di imposta di bollo, devono essere compilate in ogni parte ed inviate esclusivamente, pena l’esclusione, in modalità elettronica a mezzo di apposita piattaforma informatica, a partire dalle ore 12:00 del giorno 6 marzo 2020, sino alle ore 12:00 del giorno 20 aprile 2020.

 

Lo Studio è a disposizione per l’assistenza nella compilazione del dossier candidatura richiesto per l’accesso alle agevolazioni.